News

Al via la prima Assemblea cittadina per il clima

Ha preso il via l’Assemblea per il clima di Firenze, un esperimento di innovazione democratica per vincere la sfida climatica con la città intera.
prima-assemblea-cittadina-clima-firenze

Giovedì 23 novembre nel Salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio ha preso il via la prima seduta dell’Assemblea per il clima, un esperimento di innovazione democratica composta da 100 cittadini e fortemente voluta dal Comune di Firenze per coinvolgere la cittadinanza nelle scelte sul futuro sostenibile della città.

prima-assemblea-cittadina-clima-firenze

L’impegno di Firenze per il clima

Nel suo saluto introduttivo, il Sindaco Dario Nardella ha spiegato il senso di questa “chiamata” alla città: Firenze è in prima linea da anni per vincere la sfida climatica, dall’approvazione del PAESC – il Piano d’azione per l’energia sostenibile e il clima che definisce le azioni per tagliare del 60% le emissioni in città – alla Missione delle 100 città europee per arrivare alla neutralità climatica entro il 2030, in anticipo di 20 anni rispetto ai target europei. 

Per raggiungere questi obiettivi e vincere la sfida contro l’emergenza climatica, ciascuno deve fare la propria parte: Amministrazione, cittadini, organizzazioni, imprese.

“Tutta la città deve essere parte attiva di questo percorso di democrazia dal basso per costruire insieme lagenda ambientale dei prossimi anni non facendo subire le scelte ai cittadini ma anzi portando a ‘bordo’ la nostra comunità”, ha sottolineato il Sindaco.

dario-nardella-assemblea-cittadina-clima-firenze

“Siamo qui per dialogare e ascoltare le vostre esigenze e le vostre proposte”

Dario Nardella – Sindaco di Firenze

Una Assemblea popolare, giusta e inclusiva

L’Assessore alla transizione ecologica e all’ambiente, Andrea Giorgio, ha sottolineato l’importanza della partecipazione per una transizione ecologica che sia giusta e desiderabile e che non lasci indietro nessuno, soprattutto i più vulnerabili agli effetti dei cambiamenti climatici.

“L’Assemblea per il clima rende i cittadini protagonisti della strategia climatica della città e raccoglie le loro idee per una transizione che sia giusta e inclusiva.”

Andrea Giorgio – Assessore alla transizione ecologica e all’ambiente

assemblea-clima-firenze-andrea-giorgio

Da chi è composta l’Assemblea?

100 partecipanti selezionati a partire da 10.000 cittadini estratti a sorte.

rappresentativa:  70 residenti scelti con campionamento casuale stratificato per genere, età e quartiere e 5 non residenti che frequentano abitualmente la città per studio o lavoro.

intergenerazionale: 15 residenti in fascia di età 15-29.

giusta: 10 residenti individuati da categorie sociali svantaggiate.

assemblea-cittadina.clima-firenze-framcesca-mazzochi-lama

“Qui oggi c’è una piccola Firenze, un campione di persone che magari non ha mai partecipato ad un appuntamento politico e istituzionale e che credeva di non avere voce. E invece ce l’ha!”

Francesca Mazzocchi, Presidente di LAMA Impresa Sociale

Il percorso di partecipazione

L’Assemblea per il clima è una tappa fondamentale del percorso di partecipazione “Firenze per il clima”, che ha l’obiettivo di creare un’alleanza tra Amministrazione, cittadinanza e le organizzazioni verso la neutralità climatica, come ha ricordato Lisa Bitossi di Lama Impresa Sociale che accompagna il Comune di Firenze nella sua realizzazione.

Ad oggi, più di 2000 cittadini hanno risposto al quiz sull’impronta carbonica e 101 organizzazioni attive sul territorio hanno deciso di aderire a Firenze per il clima e di portare avanti azioni concrete di mitigazione o eventi sul clima o ancora di finanziare iniziative per la cittadinanza.

Ad esempio, la app di bike sharing Ridemovi ha offerto ai partecipanti all’Assemblea per il clima un voucher da utilizzare per bici e monopattini condivisi, per promuovere uno stile di vita sostenibile.

assemblea-cittadina-clima-firenze

Al lavoro per condividere idee

I 100 componenti si sono divisi in 4 tavoli tematici: energia, mobilità, ambiente urbano, economia circolare e hanno beneficiato della costante supervisione di un esperto tematico, un tecnico del Comune e due facilitatori (e dell’Assessore Andrea Giorgio).

 

Le città in Europa producono il 70% di emissioni di CO2 

A partire da questa consapevolezza che si debba cambiare il modo in cui viviamo le nostre città, i partecipanti hanno avviato una riflessione sulla responsabilità individuale e sugli ostacoli che impediscono di adottare comportamenti virtuosi per la sostenibilità ambientale.

andrea-giorgio-tavolo-assemblea-clima-firenze

“L’Assemblea popolare dovrà proporre quei cambiamenti nel nostro modo di vivere, di muoversi, di produrre, di mangiare, che sono necessari per avere conseguenze sul nostro impatto sul pianeta”

Andrea Giorgio, Assessore alla transizione ecologica e all’ambiente

L’obiettivo della prossima riunione (6 dicembre) sarà invece di proporre idee concrete e progetti per una città più sostenibile. Nel suo ruolo consultivo primo nel suo genere a Firenze, l’Assemblea potrà restare in carica fino al 2030.

Le voci dei partecipanti

Tavolo-assembela-clima
Tavolo-assemblea-clima-firenze
Tavolo-assemblea-clima-firenze